Lavoro e Attività Produttive

Premessa

E’ sotto gli occhi di tutti che stiamo attraversando un profondo periodo di difficoltà senza precedenti che travolge le famiglie e la vita delle persone, è in crisi il sistema intero della nostra collettività. La finanza domina e impera sulle nostre vite e le imprese, schiacciate da un carico fiscale e propaggini burocratiche insopportabili, cercano di sopravvivere ad uno scenario in cui la domanda interna è in forte calo, mentre i mercati dai confini sempre più ampi stanno portando la concorrenza su un piano di riduzione dei costi che vede inevitabilmente in posizione di svantaggio quei paesi che hanno sempre fatto dell’innovazione e della qualità il loro punto di forza. Con questo sistema economico siamo tutti consci che non si potrà uscire dalla recessione. Non si tratta solo di un fenomeno economico ma di un cambio di epoca. La cura dimagrante della crisi dovrà portare ad una economia più equilibrata. I rapporti sociali sono frammentati. Se da un lato abbiamo gli anziani in difficoltà per pensioni misere dall’altro i giovani sono immersi in prospettive lavorative precarie e senza futuro. Le attività chiudono e le famiglie stentano, mentre l’attenzione alla ricerca e alla formazione così come il grande patrimonio culturale di cui è dotata la nostra nazione non viene valorizzato e considerato come dovrebbe in termini produttivi. Le politiche economiche e legate al mondo del lavoro sono portate avanti dal Governo, ma il Comune può e deve intervenire ponendo in essere una moltitudine di iniziative che incidano direttamente e indirettamente sul lavoro e sulla tutela delle risorse e delle persone. Attraverso politiche che tutelino l’ambiente e diano nuove opportunità di lavoro nel settore, attivando percorsi virtuosi in ambito commerciale e rafforzando le piccole imprese che sono e restano la principale forza produttiva, intervenendo nel comparto culturale con uno sguardo diverso che tuteli e incentivi i lavoratori del settore e dia alla città quella forza propulsiva che è mancata in questi anni, ponendo la giusta attenzione alla formazione e all’insediamento di attività produttive che abbiano nella loro qualità e specificità il fulcro e la forza necessaria per un ruolo forte sul mercato, impedendo che attraverso le esternalizzazioni si riducano le retribuzioni dei lavoratori e i loro diritti primari, ponendo attenzione alle fasce deboli per rinsaldare il collante sociale che è determinate per affrontare con la forza di una città unita questo periodo di forte difficoltà e ridando vigore e speranza alle persone attraverso una politica pulita e trasparente che coinvolga la città tutta in una ripresa produttiva e sociale, in grado di guardare al futuro con la convinzione che si può e che si deve cambiare. L’obiettivo economico non deve più essere quello di aumentare la produttività del lavoro ma quello di aumentare la produttività delle risorse. Questo vuol dire delineare processi produttivi e realizzare beni con meno energie, meno materie prime e producendo meno rifiuti. La regola del “più economico è meglio” deve essere integrata da un nuovo mantra: più sano è meglio, meno energivoro è meglio, più umano è meglio, più sicuro è meglio. Gli organi di controllo della pubblica amministrazione devono avere la possibilità di aiutare velocemente le imprese, gli artigiani impegnati a lottare quotidianamente in una crisi senza pari, rendendosi propositivi e fornendo informazioni e assistenza a costo zero per risolvere problemi pratici su salute, sicurezza dei lavoratori, formazione sui rischi specifici e su come affrontarli con nuove tecnologie esistenti sul mercato. Non è più possibile ad oggi non riuscire a redigere una pratica per avere dei finanziamenti a fondo perduto sulla sicurezza se non tramite consulenti esterni o perdendo giornate a capire e redigere moduli burocratici.

Tutela del lavoro

Reperire fondi per la formazione (la prevenzione costa dieci volte meno della protezione e rende di più in termine di mancati incidenti). La Regione e l’Unione Europea li prevedono ma spesso non si usano perché non si conoscono o per la complessità delle procedure.

Rendere pubbliche le statistiche INAIL sugli incidenti e sui morti sul lavoro nel territorio faentino, sia di lavoratori residenti che non, per comprendere meglio la gravità del fenomeno.

Prevedere corsi obbligatori seri e con esami per chi usa mezzi di trasporto, tenendo conto che oltre il 60 % dei morti sul lavoro sono causati da incidenti in itinere.

Impresa, Commercio ed Artigianato

Premessa

Il commercio locale sta vivendo una forte crisi, dovuta anche alle forti responsabilità e alle scelte assai discutibili delle precedenti amministrazioni, come il notevole incremento di centri commerciali e supermarket della grande distribuzione. Ovvio che è sempre il cittadino a scegliere; in tal senso va attuato un cambiamento culturale in ognuno di noi, basato sull’informazione, l’etica e la consapevolezza; a cominciare dall’amministrazione, che deve farsi carico di promuovere tale cambiamento in ogni sua forma possibile, con una vera e chiara impronta che sia da esempio per la cittadinanza. In questo periodo di globalizzazione sfrenata va incentivata un’altra idea di sviluppo economico, che punti sulla filiera corta, una produzione sostenibile ed un consumo consapevole.

Azioni

Piccola e media impresa

Istituire e promuovere uno sportello comunale a supporto delle PMI che faciliti l’accesso al micro credito a tasso agevolato, promuova la de-burocratizzazione e che recepisca e renda disponibili e fruibili progetti tipo “Incubatore” e “Start-Up” per la nascita e lo sviluppo di nuove iniziative economiche.

Collaborare con l’Università e le imprese nella realizzazione di percorsi formativi per giovani diplomati e laureati in cerca di lavoro.

Creare e stimolare indotti produttivi, tramite iniziative virtuose come la riqualificazione energetica degli edifici pubblici o la bonifica di determinate aree o edifici.

Attuare la rotazione dei fornitori per i lavori pubblici a parità del vantaggio economico.

Istituire e defiscalizzare un fondo per quelle PMI più deboli o che intraprendono percorsi virtuosi rispetto al territorio e alla comunità.

Non disponendo la realtà locale di strutture deputate alla ricerca primaria, orientare lo sviluppo alle applicazioni delle nanotecnologie/miniaturizzazioni e delle energie rinnovabili in ambiti in cui esistono e si possono agevolmente acquisire competenze locali.

Nei casi di crisi aziendali, la pubblica amministrazione concorrerà con le imprese che si impegneranno in tal senso, alla rioccupazione autonoma dei dipendenti che devono affrontare la perdita del posto di lavoro, anche con insediamenti nelle strutture della stessa azienda o di altre aziende cessate.

Riduzione al minimo dell’addizionale IMU per gli esercizi commerciali sotto i 150 mq.

Attuare la locazione agevolata di immobili comunali per attività di giovani fino a 30 anni.

Istituire e promuovere uno sportello capace di recepire le possibilità di finanziamenti, bandi e concorsi della Comunità Europea per meglio sostenere le iniziative economiche che vogliono usufruire di questi incentivi e che possono a loro volta stimolare il territorio locale.

Un altro tipo di commercio

Bloccare la costruzione di nuovi centri commerciali ed ampliamenti di supermarket per la grande distribuzione. Relativamente alla fallita apertura dell’Outlet “Le Perle” l’amministrazione farà tutto il possibile per evitare che rimanga in eredità un eco-mostro, avendo come obbiettivo la bonifica dell’area.

Promuovere un’economia etica e solidale all’interno del territorio con particolare attenzione alle realtà che perseguono la filiera corta.

Stimolare e promuovere le attività del centro commerciale naturale all’interno delle mura cittadine e nella prima periferia allo scopo di tutelarne la funzione economica, commerciale e socioculturale.

Disincentivare la migrazione verso i centri commerciali, concausa della deflazione economica e della disgregazione sociale (ridiscussione con i commercianti delle modalità di apertura nei giorni festivi, educazione tramite incontri ed eventi al consumo responsabile e locale e sue implicazioni globali).

Intrecciare la cultura ed il turismo con il commercio artigianale ed enogastronomico tramite l’istituzione di percorsi turistici ad hoc e coinvolgendo i commercianti negli eventi culturali. Favorire la localizzazione nel centro di eventi, mercati e mercatini ad alto valore culturale.

Promuovere strumenti alternativi di regolamento degli scambi commerciali (Sardex, Bristol Pound, Arcipelago Scec, Wir, ecc..).

Promuovere e valorizzare un circuito di origine garantita e di tutela dei produttori e dei prodotti locali, siano questi provenienti dall’agricolura o dall’artigianato.

Creare un protocollo comunale sul risparmio energetico e sull’utilizzo delle energie rinnovabili con defiscalizzazione dei tributi comunali alle attività che aderiscono a tale protocollo.

Mercati e mercatini

Stimolare e promuovere i mercati che coinvolgeranno i produttori ed agevoleranno i prodotti locali favorendo la filiera corta nei settori dell’agroalimentare, i mercatini dedicati all’usato, al recupero, a prodotti in scadenza che si diano la finalità non solo di soddisfare esigenze di tipo economico, ma anche di divenire dei collettori per lo scambio sociale e la conoscenza di stili di vita più sani e sostenibili.

Artigianato

Organizzare eventi che coinvolgono gli artigiani ed i bottegai attraverso workshop e presentazioni.

Proporre l’istituzione di un mercatino della ceramica artigianale locale a cadenza periodica.

Promuovere la realizzazione di punti vendita condivisi che permettano l’abbattimento delle spese di promozione, di marketing e di gestione del personale.

Favorire il rilancio dell’artigianato, attraverso la fruizione di spazi mediando con i proprietari di negozi attualmente sfitti per usufruire dei locali, attraverso contratti di comodato d’uso o a canone agevolato.

Centro Fieristico

Verificare la puntuale realizzazione dei lavori di riqualificazione già previsti dal bando in corso; l’amministrazione monitorerà l’attività dell’attuale concessionario dell’area.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *