Faenza è in grado di approfittare dei fondi che l’Unione Europea mette a disposizione per il Wi-Fi pubblico gratuito?

Un bando europeo di prossima uscita, denominato “WIFI4EU” assegnerà dei voucher da 15.000 euro per l’installazione di hotspot Wi-Fi nei comuni e nelle associazioni di comuni della comunità europea.

I beneficiari dovranno impegnarsi solo a pagare i costi per la connessione ed il mantenimento dell’infrastruttura per offrire una connessione Wi-Fi libera e di alta qualità per almeno 3 anni; il budget in dotazione è pari a 120 milioni di euro fino al 2019.

Il M5S, con una interpellanza, chiederà all’amministrazione se l’Unione dei comuni della Romagna faentina pensa di attivarsi e se il Comune di Faenza intende partecipare a questo bando.

Segnalando che è già possibile per gli Enti locali registrarsi e che l’assegnazione avverrà nella modalità “a sportello”, cioè in ordine di arrivo della richiesta; è quindi necessario affrettarsi, non c’è tempo da perdere.

Facendo un rapido calcolo l’Unione della Romagna faentina con i suoi 6 comuni potrebbe accedere a ben 90.000 euro di finanziamenti complessivi per attrezzature WI-FI di alta qualità da collocare non solo nelle piazze, ma anche in spazi pubblici tra cui biblioteche, musei, parchi, comitati di quartiere, luoghi dove i cittadini potrebbero usufruire di questi servizi in contesti culturali e di associazionismo.

Auspichiamo che verrà colta questa occasione per il miglioramento della situazione attuale, che vede la connessione Wi-Fi di FreeLepida attiva, da tempo e al contrario delle previsioni, solo nelle piazze del centro e nei pressi del MIC.
Un progetto che, causa la mancata pianificazione, si è rivelato di certo non sufficiente.


3 risposte a “Faenza è in grado di approfittare dei fondi che l’Unione Europea mette a disposizione per il Wi-Fi pubblico gratuito?”

  1. Cialisonline scrive:

    Hai detto bene, una vera bontà! Grazie Simocialis online

  2. valkann scrive:

    Fatto grazie mille

  3. Ciao Irene! Io ti ho “conosciuta diversi anni fa, o meglio ti ho incontrata, senza nemmeno sapere chi tu fossi, in occasione di una manifestazione di musica folk: Musica nelle Aie a Castel Raniero un paesino piccino picciò che si trova vicino a Faenza. Noi eravamo quelli del gruppo musicale “Taverna de Rodas e tu ci facesti alcune foto e commentasti il nostro modo di porci, sicuramente molto bizzarro! Che dire da lì ho iniziato a seguirti sul blog e su alcuni social. Che dire, amo il modo in cui racconti le tue esperienze, le sento moto vicine, hai quell”umorismo genialmente genuino delle terre di romagna. Rido ancora quando leggo il viaggio con tuo padre in Francia tuo padre che parla con il navigatore!!!! Quando decido di andare da qualche parte, consulto spesso il tuo blog per vedere se ci sei stata Hai la capacità e l”occhio di vedere cose e posti non comuni. La scorsa estate abbiamo visto con mio marito e i miei figli la Provenza, e ho colto al volo delle chicche su Avignone e dintorni! Sei una bella persona, anche se non ti conosco! Questo dualismo di amare dove vivi ora e la tua terra e luoghi di casa è qualcosa di di difficile da spiegare, ma tu ce l”hai fatta. Quando leggo di expat, noto sempre un pizzico di contentezza nell”avere lasciato Dai tuoi racconti no, sento che ami dove sei e quello che fai ma che senti ancora le tue radici! Aspetto Irene dai tuoi dispacci! Buona vita e chissà Laura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *